ANTENNA FILARE APERIODICA PER LF - HF

Come già detto, la mattima del 4 luglio us, subito dopo la trasmissione di SAQ, ho ricevuto la telefonata dell'amico Mauro Giroletti che, tra le tante cose che mi ha detto, mi segnalava l'utilizzo di un tipo di antenna filare interamente realizzata con il cavo coassiale RG58, quindi di un'antenna filare aperiodica non risonante.

Questo tipo di antenna, a sua detta, fornisce una buona resa su tutto lo spettro di frequenze compreso tra i 100 Khz ed i 30 Mhz. Il progetto, pubblicato sul numero di febbraio 2000 di Cq Elettronica, è stato successivamente riproposto sul sito di Maurizio Diana al seguente indirizzo web:

http://www.i5-4666fi.it/antenne/aper.html

Un po' spinto dalla curiosità, un po' perché, comunque, necessitavo di una seconda antenna per i miei ascolti, mi sono cimentato nella sua realizzazione.

Ho acquistato 21 metri di cavo coassiale RG58 e 11 resistenze antiinduttive da 560 Ohm, montando il tutto secondo le indicazioni indicate sul sito di Maurizio.

Per sola comodità, riporto di seguito lo schema dell'antenna.

Schema dell'antenna filare.
Schema dell'antenna filare.

In sostanza, il tutto si riduce a collegare al centrale del cavo di discesa la calza dei 21 metri di cavo coassiale, e di chiudere l'altra estremità dell'antenna con un carico resistivo a 52 Ohm. La chiusura a massa avviene appunto attraverso il polo centrale del cavo stesso, collegato alla massa della discesa.

Le foto che seguono rappresentano la mia realizzazione. Il connettore di alimentazione dell'antenna è stato montato in un bussolotto plastico di uno starter per lampade al neon, successivamente sigillato con nastro autovulcanizzante, mentre il carico resistivo è stato interamente alloggiato in un contenitore stagno per esterno.

Mentre questa è la mia realizzazione:

Nelle foto si vede una resistenza da 51 Ohm, che è stata successivamente sostituita da 11 resistenze antiinduttive da 560 ohm poste in parallelo.

Risultati: Rispetto al dipolo sbilanciato con il balun 1:6 che ho montato contemporaneamente a questa, la filare aperiodicìa presenta alla propria uscita un segnale più basso, così come per il rumore di fondo. Ovviamente è meno sensibile del dipolo, ma i segnali più bassi sono più comprensibili e più intellegibili.

Le stazioni sulle onde lunghissime e lunghe si ricevono senza difficoltà alcuna, così come quelli su tutto lo spettro hf.

Ad esempio, HBG sui 60 Khz si ascolta bene con la filare aperiodica, ma è completamente irricevibile con il dipolo di 24 mt ed il balun.

In definitiva concordo pienamente con Mauro e Maurizio, è un'antenna che consiglio vivamente, semplice da realizzare, dal costo davvero contenuto e, sopratutto, dagli ottimi risultati.

Francesco 10.08.2010