Dipolo multitrap per 40, 20, 15 e 10 metri.

Questa volta voglio uscire un pò dal seminato, abbandoniamo per un attimo le onde lunghe, i softwares e i vari accessori che ci attorniano nella nostra stazione radio, e dedichiamoci un pò con attenzione all'elemento più importante di tutti: l'antenna.

Qualche sera fa, mentre passavo a rassegna delle vecchie riviste di CQ Elettronica alla ricerca di uno schema (ovviamente apparati valvolari, oggetto di profondi studi), mi è passato tra le mani questo vecchio articolo di SERGIO CATTO' per la costruzione di un dipolo multibanda trappolato.

Effettivamente si tratta di una realizzazione davvero semplice e sopratutto economica, utile non solo per chi volesse fare radioascolto principalmente nelle bande radioamatoriali, ma anche a chi volesse "uscire in aria" nelle bande radioamatoriali in HF, senza cimentarsi in macchinose realizzazioni o spendere un bel pò di soldini in antenne commerciali.

Sicuramente tale antenna potrà facilmente essere alloggiata su qualsiasi terrazzo condominiale, spina nel fianco di tutti noi radioamatori - sperimentatori, poiché la stessa, nella sua massima estensione, non supera i 18 metri complessivi.

Il materiale è facilmente reperibile ovunque: comunissimo cavo elettrico, due spezzoni di tubo in pvc per impianti idrici, due condensatori e tutta minuteria di sostegno del filo, quali filo di nylon, eventuali isolatori etc.

Non mi dilungo oltre, il tutto è meglio descritto nell'articolo proposto con le immagini che a seguito si possono vedere: la scannerizzazione della rivista CQ Elettronica di maggio 1968, pagine 280 e 281.

Rocordiamoci infine di una sola cosa: per trasmettere nelle bande radioamatoriali ci vuole la licenza!

25.03.2010 - Francesco

Pagina n1.
Pagina n1.
Pagina 2.
Pagina 2.
Dettaglio costruttivo.
Dettaglio costruttivo.