I softwares utilizzabili per la gestione dei ricevitori sdr.

Come scrivevo innanzi, una volta realizzato il ricevitore sdr siamo solo a metà strada dal raggiungimento della meta.

Infatti il lavoro più duro e, cioé quello che permette la riuscita di tutto il sistema è svolto dal software, che ovviamente dovrà essere supportato da un computer di buone prestazioni.

Ho sperimentato più softwares su più computer, partendo da un Intel pentium 3, con velocità di 1 Ghz, ad un Intel pentium 4 dual core con velocità di 2 Ghz, tutti con lo stesso risultato in fatto di prestazioni.

Mentre sul computer più lento la ricezione dei segnali avveniva a singhiozzi, con difficoltà e rallentamenti sulla sintonia dei segnali, sul più veloce tutto avviene in modo completamente naturale, con una fluidità di ascolto e di manovra eccellenti. Oltreché c'è la scontata possibilità di utilizzare più software contemporaneamente, magari per la decodifica dei modi digitali.

Non voglio dilungarmi molto e allo stesso tempo non voglio descrivere troppi programmi, anche per non creare confusione a chi legge.

Quindi mi limiterò soltanto a descriverne brevemente solo due, quelli cioé di più facile ed immediato utilizzo.

Il programma più scarno e più spartano per l'utilizzo di ricevitore sdr è ROCKY, software freeware attualmente nella versione 3.60. Si può liberamente scaricare dal sito http://www.dxatlas.com/Rocky/ .

Una volta installato, si attiva la ricezione semplicemente cliccando sul pulsante in alto a sinistra, immediatamente compare parte dello spettro di frequenze ricevibili, che ha come frequenza centrale quella indicata nel riquadro in alto a destra. La variazione della frequenza centrale (in proporzione alla frequenza dell'oscillatore locale del ricevitore sdr, e della frequenza di campionamento della scheda audio) avviene semplicemente agendo sul cursore posto affianco il riquadro stesso.

La sintonia avviene semplicemente cliccando sulle varie emissioni, i picchi verdi che compaiono sullo spettro indicato nel grosso riquadro centrale.

Ovviamente si può scegliere il modo di ricezione (LSB, USB, etc.) e modificare la larghezza del filtro di banda, semplicemente cliccando con il mouse sul cursore sottostante il triangolino rosso, che indica appunto la frequenza che stiamo ricevendo.

Un fantastico programma, che personalmente preferisco sia per la completezza di funzioni che per la semplicità d'uso, è WINRAD realizzato da Alberto Di Bene - I2PHD, anche questo liberamente scaricabile dal sito di Alberto http://weaksignals.com/ , oppure in versioni più aggiornate, ma non dall'autore (poiché lo stesso ha reso pubblico il codice sorgente del programma), dal sito http://www.winrad.org/ .

Già dal primo acchitto si capisce che ci troviamo di fronte un software molto completo. Winrad è stato definito un gioiello di estetica e tale commento trova pienamente il mio consenso.

La schermata principale del programma si compone essenzialmente di una grossa finestra che visualizza simultaneamente sia lo spettro delle frequenze che si sta ricevendo che il rispettivo waterfall. Con ques'ultima funzione, molto utile, si riesce a vedere il tipo di emissione che in quel momento "sta attraversando" lo spettro di frequenze visualizzato (ovviamente sempre in proporzione alla frequenza dell'oscillatore locale del ricevitore sdr, e della frequenza di campionamento della scheda audio).

Al centro della finestra troviamo l's-meter, il controllo dell'AGC, una serie di pulsanti per il denoiser, noise blanker (oviamente regolabili), e tanti altri comandi che vanno dal controllo del volume alla velocità di scorrimento dei waterfall.

In basso troviamo un'altra finestra di waterfall, questa invece serve a visualizzare lo spettro del segnale audio ricevuto, ed in questa si può variare in tempo reale la larghezza del filtro di banda, cliccando semplicemente sui fianchi indicati nella finestra grafica.

Ovviamente sono presenti i pulsanti che ci permettono di selezionare i modi da ricevere: AM - ECSS - FM - LSB - USB - CW  e DRM.

Utile e non poco inoltre, la funzione di registrare in file wav tutto lo spettro che si sta ricevendo, per poter successivamente essere analizzato o riscoltato.

Preciso che sul sito di I2PHD si può scaricare il manuale del programma, dove è indicato l'utilizzo del programma e tutte le funzioni avanzate.

Winrad è davvero un software molto potente e versatile, nasce per la gestione completa di un ricevitore sdr, ma con ottimo profitto lo si può anche utilizzare come ricevitore VLF, semplicemente collegando l'antenna direttamente all'ingresso della scheda audio del computer. E questo è dir poco.

Voglio concludere con una ultima segnalazione, spero che utile: esiste anche una versione di winrad, perfettamente funzionale e compatibile con tutte le sue caratteristiche, adattata ai computer portatili con schermo a 16/9 o per i piccoli netbook di ultima generazione, si chiama WINRAD HD e può scaricare dal sul sito http://freenet-homepage.de/winradhd/.

Non me ne vogliate se ho curato in piccola parte solo questi due specifici software.

So che ne esistono tantissimi altri ed anche con funzioni più avanzate; però questi due, nella loro immediatezza e semplicità d'uso, sono sicuro che forniranno risultati soddisfacenti senza far perdere troppo tempo a chi vorrà provarli.

12.01.2010 - Francesco